domenica 22 maggio 2011

Siiiiii, viaggiareeee...

...cantava Battisti. Ma ... una volta arrivati a destinazione che si fa???

Arrivati all’aeroporto Eldorado di Bogotà avrete l’impressione di essere in zona di guerra. In effetti di Eldorado l’aeroporto ha solo il nome, visto che è una vera catapecchia... si, la firma Opain ha provveduto a ridisegnarlo e sta già provvedendo a ristrutturarlo attraverso demolizioni e sistemazioni varie, ma l’impressione all’arrivo non è propriamente delle migliori (qui potrete vedere il nuovo sviluppo).

Prima di ricevere i bagagli vi controlleranno il passaporto, sbrigando le classiche formalità chi siete, dove andate, si ma quanti siete, un fiorino, e vi faranno un timbro di entrata sul passaporto, con una data. Si, lo so che la maggior parte di voi viaggiatori già conosce queste cose, ma è perché molta gente mi chiede: ma il visto da turista come si fa in Colombia?

Timbri ... quello della Colombia é diverso, ovviamente.













Or bene ... QUEL timbro E’ il visto da turista. E vale 30 giorni (attenzione: NON un mese), contrariamente a quanto avveniva nel 2009 che era del doppio. Ma siccome la Colombia è strapiena di turisti che si fermano almeno tre mesi buoni, il governo ha pensato bene di tramutarlo in un affare.

Esisteva una modalità per rinnovare il “timbro-visto: prima della scadenza dei fatidici trenta giorni ci si recava presso il DAS (Departamento Administrativo de Seguridad... a Bogotà io andavo all’edificio Platinum che più o meno sta sulla Calle 100 con la 15) a richiedere un rinnovo del visto turistico. Ci si doveva presentare personalmente portando i documenti richiesti (all’indirizzo http://www.gobiernoenlinea.gov.co/web/guest/home/-/government-services/1728/maximized ), pagare 72 milaqualcosa pesos e lo stesso giorno vi prorogavano il visto. L’iter era valido per sei volte totali fino ad un massimo di 180 giorni di permanenza nel paese.

Esiste un’altra modalità che è quella di fare direttamente un visto di turismo... basta andare in un qualsiasi Ufficio Consolare della Repubblica Colombiana, portare una lunga serie di documenti:

1 – Un formulario che trovate alla pagina web http://www.cancilleria.gov.co/wps/wcm/connect/6f28f58043bc79eabba2bf459b7e8224/Formulario+SC-FO-15+PARA+SOLICITUD+DE+VISA.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=6f28f58043bc79eabba2bf459b7e8224

2 – Passaporto valido con almeno due fogli bianchi

3 – 3 fotografie a fondo bianco di 3x3 (ve lo raccomando ... io ho visto cacciare una suora dagli uffici del ministero perché aveva le foto di 3x4...)

4 – la fotocopia della pagina principale del passaporto con i vostri dati e la fotocopia della pagina del passaporto sulla quale c’è l’ultimo timbro di entrata in Colombia

5 – documenti comprovanti una capacità economica sufficiente per stare in Colombia come turista (qui la questione non è affatto chiara... non è specificata una cifra diaria come per il visto europeo, quindi su cosa si basano non ve lo saprei dire)

6 – se si viene invitati, copia della carta di invito e copia degli estratti bancari di chi invita per dimostrare che ha le possibilità economiche per invitarvi

7 – fotocopia del biglietto di ritorno o della prenotazione

Fatto questo dovete pagare 40 dollari (o una cifra che dipende dal paese di origine......... e questo lascia presagire un sacco di questioni in sospeso), aspettare una intera mattina nell’ufficio consolare, ma soprattutto sono assolutamente aleatori i giorni che vi danno di permesso........ e questo è BEN chiaro in tutti i visti. In pratica sono i colletti bianchi del ministero che decidono per quanti giorni potete fermarvi in Colombia.

Non pensiate che se i Colombiani sono tanto cari, lo stesso siano gli uffici amministrativi. Mi dispiace dirlo, ma la peggiore attenzione che abbia mai ricevuto in un ufficio pubblico colombiano, è stato proprio al ministero delle relazioni con l’estero. Sembra quasi che non vogliano avere stranieri in Colombia. Al contrario nel DAS mi hanno sempre trattato bene ... alle sette della mattina ... alle dieci e con l’ufficio pieno diventano un po’ belve.

Ad ogni modo fate attenzione anche a un’altra cosa: il visto turistico presuppone che voi arriviate in Colombia per godervi le vacanze, e non per cercare lavoro (anche se lo fa tutto il mondo). Per questo il visto turistico si può tramutare solo in un visto che non ha assolutamente nulla a che vedere con un visto di lavoro (i famosi Temporal trabajador, temporal socio, temporal independiente, ecc). Questo significa che se trovate lavoro, vi tocca fare tutti i documenti richiesti da un altro tipo di visto, aspettare che si compia il tempo del visto di turista, uscire dalla Colombia e fare l’altro visto. Oppure uscire dalla Colombia prima che scada il visto da turista e con tutti i documenti alla mano e fare un altro tipo di visto.


La Camera di Commercio centrale di Bogotá.












Sto verificando un paio di notizie interessanti sui visti, ma ancora non sono pronto per farvi un riassunto dei tipi di visto che é possibile fare in Colombia. Direi che la prossima volta, salvo succulente notizie dell'ultim'ora sul fronte dell'economia e su come fare affari in Colombia, possiamo parlare di cultura colombiana o di come aprire un'attivitá in Colombia. Vediamo ... :D

5 commenti:

ecultic ha detto...

ciao, ma per il visto turistico per gli italiani non è -quasi- affatto così :-)
Non so se ora sei in Colombia, io in questi mesi sì, e funziona in modo un po' diverso.
Innanzitutto il visto che ti fanno - il timbro - all'ingresso nel Paese vale 2 mesi - e non 30 giorni - poi è rinnovabile una prima volta per altri 2 mesi, poi una seconda volta per un mese e un'altra per un altro mese ,in tutto 6.
Il costo è di 72.000 pesos, corretto, ma non richiedono che dimostri come ti sostenti, solo il foglio da compilare, foto, fotocopie e qualche volta la fotocopia del volo di ritorno. Per il resto tutto d'accordo :-)
Alex

Marco Solare ha detto...

Devo stare a Medellìn per 3 mesi da novembre 2011 a gennaio 2012. Il motivo è preparare il mio matrimonio per gennaio 2012 con la mia fidanzata colombiana (costretto dalla legge Bossi-Fini: altrimenti addio ingresso in Italia per lei...). Spero di non incotrare problemi di visto e di poter fare anche qualche lavoretto qualificato per arrotondare. Qualche Consiglio ? GRAZIE 1000, blog utilissimo! :D

Terre Rosse ha detto...

Grazie Marco,
sperando di mantenere gli standard del blog!! La zona di Medellin non la conosco bene, mi muovo (quasi) come un pesce a Bogotá, ma lassú non saprei.

Per quanto riguarda il visto, di norma non si hanno problemi se si seguono le esatte istruzioni del Ministero. Dipendendo dal tipo di visto, attenzione, perché alcuni sono da fare obbligatoriamente fuori dalla Colombia.

Per quanto riguarda il matrimonio, c'é l'apposito articolo per farti sposare senza troppi patemi e con i giusti documenti. :)

Ho appena terminato di scrivere in un'altra risposta a un blogger che il visto turistico puó essere fatto per 90 giorni senza pagare nessun rinnovo. E come sai il visto turistico é sufficiente per sposarsi.

Il visto turistico, peró, non ti permette di lavorare. Per il tipo di lavoro, dipende molto dalle qualifiche. Purtroppo il datore di lavoro colombiano ha la brutta abitudine di domandarti come entrata se sei in possesso di un visto. Se non sei in possesso di un visto, non ti prendono in considerazione per nessun lavoro, purtroppo. :|

Marco Solare ha detto...

grazie assai Giovanni! Sempre molto prezioso!

Presto verrò in Colombia e presto pure a Bogotà per tutta la trafila burocratica per la legalizzazione del matrimonio (ancora da fare): ho il terrore di sbagliare qualcosa a livello burocratico e quindi vanificare il mio viaggio :-)

magari andiamo a mangiare qualcosa insieme in qualche locale italiano ? hai una mail ?

Terre Rosse ha detto...

Ciao di nuovo, Marco. :D

La mail che hai usato per scrivermi é giusta. Domani avró un giorno relativamente libero, e quindi riusciró a risponderti con tranquillitá.

Per quanto riguarda i documenti, non ti preoccupare che non ti sbagli, quelli scritti sono esattamente quelli che servono, e in ogni caso quando passi di qui li vediamo insieme.

Eeeee ... si, il ristoranto italiano va bene, ma anche una bevuta in amicizia va benissimo. :D